username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La tela ad olio

fosti, mio amore, il mio tempo fosco
la mia terra soffusa di tinte d'ombra
il sole rimase sempre alle spalle
e divenni arsura di luce
antro di arpie
mutai la mia pelle
scopristi il velo della mia nudità
e profanasti il silenzio del mio colle
ad ogni giorno l'arpia
si affacciò sull'orizzonte
per spaventare la luce
lasciai che la spina lacerasse
la carne dei miei fianchi
e mi nutrii del sangue
che gemette poesia... goccia a goccia...
fosti, mio amore,
la mia ala spezzata, che ci impedì di volare
lontano, in verticale
dove ci avrebbe inseguito il sole

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Aedo il 04/03/2010 00:09
    Ali e disperazione... amore e delusione... due aspetti di un'unica realtà. Complimenti!
    Ignazio
  • Anonimo il 03/03/2010 18:12
    Bellissima questa poesia Teresa... triste... scritta meravigliosamente bene. Brava
  • Anonimo il 03/03/2010 18:12
    La trovo bella, originale e molto partecipata emotivamente.
  • Paola B. R. il 03/03/2010 18:11
    Intensa e suggestiva, passione e dolore... molto bella!!!
  • Salvatore Ferranti il 03/03/2010 17:53
    cinque stelline per questa bella poesia... complimenti