accedi   |   crea nuovo account

Un gabbiano sulla battigia

Immerso nei pensieri
più profondi,
aspetto
camminando lentamente,
il giungere della sera.
È strano l'imbrunire
vicino al mare,
la battigia si spopola,
senza accorgermi
rimango in attesa,
come un gabbiano solitario,
sento il vento accarezzarmi
gratuitamente il viso,
regalandomi sensazioni
suggestive;
lo sguardo fisso
sul mare crespo,
sussurra
continuamente
la sua voce
contro la scogliera,
allo stesso modo
la mia mente
riascolta la tua
calma pacata
fiera di se
celando ad arte
il dolore nascosto
crudo
gratuito
impensato
rimbomba senza pietà
nel cuore che batte...
... vita...
vita, quando regali
il tuo dono
svanisce in un attimo...
vita, quando togli
la ferita dura per sempre
in un dolore scolpito
che resta presente a
torturare la tua anima.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Emanuela Lazzaro il 21/05/2010 15:14
    immagine semplice ma intensa, il gabbiano sulla battigia è l'uomo che resta in ascolto dell'eco del mare, delle proprie emozioni e nostalgie, complimenti
  • Giuseppina Iannello il 28/03/2010 10:06
    I Tuoi versi sono intensi d'emozione: bravo.
  • Matteo Castellini il 14/03/2010 08:36
    interessanti descrizioni...
  • Aedo il 08/03/2010 00:17
    Come un gabbiano, volgi lo sguardo oltre la soglia, nel desiderio di trovare quelle mete forse impossibili, ma che danno un senso all'esistere. Quante ferite nel corpo e nell'anima, Giuseppe, accrescono l'amarezza; bisogna però asciugarle e procedere nel cammino della speranza.
    Un abbraccio
  • Dolce Sorriso il 07/03/2010 14:02
    una ferita rimasta nel cuore che si apre sanguinando...
    bella poesia Giu...
    molto bella
  • ignazio de michele il 07/03/2010 13:18
    eeeh, l'amour, apre il cuore e spalanca la mente. bravo
  • Antonietta Mennitti il 06/03/2010 11:12
    Intensamente bella e introspettiva, con una vena di dolce malinconia!
  • Anonimo il 03/03/2010 21:19
    è nel dolore dell'angoscia... che nasce quella solitudine che ci isola dal mondo... e nn riusciamo a vedere che domani risorge il sole... ma il gabbiano lo sà...
    chiusa MAGNIFICA... sei sempre GRANDE... caro Giuze!!!!
  • loretta margherita citarei il 03/03/2010 20:58
    molto bella, bentornato amico caro, esprimi benissimo le tue emozioni del dolore, piaciutissima
  • Anonimo il 03/03/2010 18:13
    Certe cose hanno bisogno di tempo!
  • Anna G. Mormina il 03/03/2010 17:58
    "... la ferita dura per sempre...", splendida Giuseppe, un abbraccio!
  • Anonimo il 03/03/2010 17:50
    Molto intimista, ma ciò non significa che non sia ben riuscita. Buona.
  • Anonimo il 03/03/2010 17:44
    Si, si percepisce questo tuo dolore profondo, come la ferita che evochi...
    bella, triste, ma molto bella Giuseppe..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0