accedi   |   crea nuovo account

Storia di madre

Era un giorno d'Aprile, ma non un sogno.
Non passavano file di pellegrini,
nè torme di briganti, nè brigate festeggianti.
Solo io e te al di sopra del ruscello,
le mani sempre più strette:
lo giuriamo solennemente?
Che i nostri saranno un cuore?

La strega aspettava in silenzio
l'ora di scendere dal castello
di piscio di gatto e ruggine.
Chissà quanti buchi troveremo
per vedere un uccello
sbucare dal nido e provare a volare:
ci avviciniamo ci allontaniamo
da questo mondo ribelle...
Se ridi vuol dire che sei già grande.

E vennero le notti solitarie.
Tu chiuso nell'aula accanto,
io nella cella di sempre.
Crescere in modo diverso...
Tu tiri tutto d'un botto
e, quando pende la luna,
non ti schianti ancora
e mi insegui...
mi insegui...

La strega marcisce nel sotterraneo
fra libri dimenticati dal tempo
e sinistre lanterne.
Non ha pace, questo cuore?
Non ha pace, questo cervello?
Finchè non troverò la ragione
e salverò i miei figli...
come terra smottata
questo corpo si è aperto,
da qui nasce vergogna!

E allora, come tremenda onda,
che qui ritorni!

... toccare tutte le sponde,
prima che torni l'oscurità.
Leader, sì,
di un esercito di vermi!
Dobbiamo vedere le case a forma di barca
dei paesi che stanno in alto.
Foreste infinite!
Distese ondulate di sete perenne,

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Ezio Grieco il 12/03/2010 14:46
    Bravassimo!!!!!
    ... incuriosito dal tuo "great" ad una mia, ho letto il tuo postato; interessante scoperta.
    .. la chiusa è fantastica!!!!
    cl
  • Anonimo il 11/03/2010 17:17
    Bella e misteriosa come i castelli inglesi. In alcun versi ritrovo assonanze con le tragedie di Shakespeare. Chi era nella stanza accanto alla tua cella? ciao da Roma
  • francesca cuccia il 04/03/2010 11:13
    Bella storia ma, quanta verità?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0