PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pappagallo Iettatore

Vedo
in gabbia
un pappagallo che
mi benedice, cado dalle
scale, ho già la
cicatrice, mi alzo in un
istante tutto barcollante,
"Pirla" esclama lui.
Esilarante.

 

l'autore Simone Scienza ha riportato queste note sull'opera

Pirla= Tipico insulto bonario lombardo, sta per sciocco, stupido.


2
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • angela ambrosini il 24/07/2012 15:55
    fortissima papagallini mi piacciono, ma di quello ne faccio volentieri a meno.
  • Andrea Arvati il 07/03/2010 20:44
    semplicemente GENIALE!!!
  • Anonimo il 04/03/2010 18:28
    ahahaahah!! avrà avuto i suoi motivi per pronunciare il suo... richiamo! ahahah!! dai dai, consolati, il merlo di mia nonna diceva di molto peggio ahahahah!!!
  • Donato Delfin8 il 04/03/2010 14:10
    Sì è una perla questa poesia
    Sim punto tuo
  • Elisabetta Fabrini il 04/03/2010 14:02
    esilarante come la tua poesia... carina davvero...
  • Anonimo il 04/03/2010 13:09
    Scrivi sempre bene. Anche una piccola poesia può essere bella. Senza sbavature. Piaciuta!
  • Ugo Mastrogiovanni il 04/03/2010 12:56
    Non l'ho mai fatto, ma certo che se ci penso questo volatile ha una faccia per niente propiziatoria! Breve poesia molto gradita.
  • Anonimo il 04/03/2010 12:55
    Ehi Simone, io quel papagallo l'avrei abilmente fatto al sugo! Simpatica poesia, bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0