accedi   |   crea nuovo account

Incontri

quante vite divorate
nell'attesa di un appuntamento,
la spada che infine scivola solennemente
ed il corpo come sollevato
dopo una così lunga attesa
si fa quasi amante
di quel ferro forgiato,
un arcobaleno dipinto
racconta di come i suoi colori non siano ingannevoli
eccoli gli stessi di quello autentico
è così che è andato alla conferenza sui fenomeni naturali
in vece dell'altro schizzinoso divo
esordendo con queste parole:
lui non si sa mai quando e dove si presenta;
ed acqua sospesa sulla nuvola,
ancora un istante,
quale strana forza la sostiene ancora in alto
e la terra guarda il cielo
domandandosi quando comincerà la magica doccia.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • denny red. il 05/03/2010 23:23
    piaciuta! ... quasi amante.. ferro forgiato.. bravo bella poesia. ciao
  • tania rybak il 05/03/2010 22:35
    quella strana forza la sostiene in alto, perchè di quel sapere non ha paura e non arrosisce di timidezza solo perchè, forse, quel schizzinoso crede di essere più colto. spero di aver capito bene il testo. molto bella.
  • Anonimo il 04/03/2010 20:15
    Bellissima poesia piena di suggestioni. Un caro saluto.