accedi   |   crea nuovo account

Elisa

Ignota persona
sconosciuto volto
che fantasma del giorno
appari la sera
correndo tra tavoli
di gente impaziente
nella fretta d'un tempo
che li avvolge di noia.

Elisa,
anonimo volto
dal nome rubato
alla curiosità d'un momento
mentre tavoli scorri
servendo clienti.

Elisa,
di te aspettavo
guardandoti uscire
nascosto nell'ombra
mentre correvi
sotto alla pioggia
ed il vento sfogliava
pezzi di carta
che invano scrivevo
pensandoti affianco
dove il sudore
si confonde alla pioggia
nell'interminabile corsa
per chi cerca riparo,
nell'interminabile corsa
per raggiungere un pensiero,
nell'interminabile corsa
per raggiungerti un giorno
mentre,
di te raccolgo
ricordi di momenti
rubati al lavoro
nelle notti in cui,
la timidezza scompare
nella semplicità d'un momento
dove,
non esistono clienti
e la noia è uno svago
nel tuo amabile fare
e tra tavoli scorri.

Elisa,
desiderio di molti
che con invidia ti guardano
senza coraggio
d'osare o sapere,
Elisa,
anonimo volto
che fantasma del giorno
cameriera di notte
tra tavoli scorri.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 07/03/2010 09:19
    Beh diciamo meglio a me noti
  • Anonimo il 07/03/2010 09:19
    Sei riuscito ad esprimere stati d'animo a me conosciuti. Molto bella!
  • laura marchetti il 07/03/2010 08:57
    bellissima dedica... per Elisa... ci aveva già pensato qualcuno? ma tu, non essere geloso!! molto bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0