accedi   |   crea nuovo account

Prati che fischiano

basta poco
il prato ben curato
con un solo colpo di vento
è invaso da cartacce
la rabbia è inutile zavorra
ricominciare da capo a liberare
in un esercizio senza fine
per scoprire sempre troppo tardi
che qualcuno
si è vestito da cartaccia
e se ne va in giro per prati fischiettando.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • gabriella zafferoni sala il 12/03/2010 08:58
    deliziosi versi intrecciati a scanzonata metafora..
    (rabbia a parte)
  • tania rybak il 09/03/2010 17:30
    lascialo fischiare, ogni uno è libero di curare il suo prato con i propri mezzi, non sarà di certo il vento a sporcare l'erba tagliata bene. giusta ironia. bisogna ridere per sdramatizzare la drammatica realtà.
  • Anonimo il 07/03/2010 23:39
    Unico nel tuo stile.
    bravissimo Giuliano
    giardiniere di versi
    ciao
    Angelica
  • loretta margherita citarei il 07/03/2010 18:34
    direi molto ironica, piaciuta molto
  • laura marchetti il 07/03/2010 17:01
    molto simpatica è che purtroppo sono in tanti a travestirsi da cartacce!!!
  • Anonimo il 07/03/2010 12:52
    Bella e intensamente significativa!
  • Anonimo il 07/03/2010 11:54
    Sei veramente geniale, Giuliano.
  • Vincenzo Capitanucci il 07/03/2010 11:22
    è in un esercizio senza fine... per un dio barbone...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0