accedi   |   crea nuovo account

Recinti

Non sempre
una prigione
è costruita
con recinti.

Può esser di sorrisi
o sentimenti irrisolti
di abitudini, occhi lisi
da troppi anonimi volti.

Mettiti comodo
indossa la divisa
bentornato a casa.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • loretta zoppi il 18/04/2012 23:51
    Due quartine e una stupenda terzina per chiusura in un recinto che odora di prigione. Non un angolo quieto di oblio come dovrebbe essere la casa ma una vita privata del respiro, un sogno destato dalla silenziosa solitudine delle abitudini. Profonda e intensa anche quando il poeta ci invita alla arrendevolezza con il "bentornato a casa" e tra noi, aggiungo io.
  • Anonimo il 15/04/2010 16:44
    Bella!. Mi sarei anche accontentato di definirla solo bella, se all'invio del commento non si fosse aperta una finestrella che mi consigliava di allungare il commento il quale, con la sua brevità, diceva anche che io sono un cretino di poche parole. Niente di più sbagliato, perché, di solito, io di parole ne sparo un sacco...
  • Tim Adrian Reed il 22/03/2010 17:28
    Stupenda. Non servono le sbarre quando costruiamo intorno a noi le prigioni da cui è più difficile scappare. E chi lo fa rischia di trovarsi di nuovo prigioniero della propria coscienza.
  • Fuvell Altego il 08/03/2010 22:19
    Drammaticamente vera. Quando la prigione è intorno a noi o addirittua dentro di noi.
  • Anonimo il 08/03/2010 20:10
    Bellissima, profonda.
  • augusto villa il 08/03/2010 19:01
    Ottima... e vera...
    Mi piace poi la chiusa... Emoziona e conqiusta.
    Bravo! ------
  • tania rybak il 08/03/2010 15:39
    se gli occhi diventano lisi per quaradare anonimi volti, basta mettersi gli occhiali per vedere meglio. per non entrare in una prigione bisogna riconoscere colui che imprigiona e evitarlo, anchè sfidando. ottima rifflessione
  • vincent corbo il 08/03/2010 07:37
    Questo tipo di prigione è la peggiore perchè ingannevole, ti fa credere di essere libero. Una riflessione alla quale anch'io molto spesso mi sono soffermato.
  • Anonimo il 08/03/2010 07:01
    Molto veritiera. Breve ma bella stesura. Ciao.
  • Donato Delfin8 il 08/03/2010 01:27
    Verissimo.
    Concordo.
    Ottima.
  • Anonimo il 08/03/2010 00:26
    Comprendo benissimo questi tuoi versi
    non sempre una rpigione è costituita da sbarre
    ma anche da maschere ben celate anche solo per non far soffrire chi ti sta accanto...
    Oggi, non riesco bene più neanche in questo...
    ciao Andrea, complimenti
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0