accedi   |   crea nuovo account

T'am' e t'ador'

T'am' e t'ador,
comm' la piant' di la pummador',
quand' ti vegh' lu cor' mi sbatt'
comm' la purticell' di la stallett' di lu pull'
quand' tir' lu garbin'.

Signò, nin ti vui dic' mal'
ma si tu nin ti ni vì,
ih' ti zomp' ncoll',
picchè mi fi vullì lu sang'.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • sara rota il 21/03/2007 21:37
    La prima strofa l'ho capita, almeno credo, am la seconda... Mi dai una mano? Comunque mi pare una bella opera, simpatica
  • marco terrabruciata il 19/02/2007 23:05
    io l'ho capita
    molto bella nella sua semplicità e genuina come pane casereccio, bravo
  • LAURA B. il 13/01/2007 01:38
    cosa significano gli ultimi 2 versi della prima strofa?
    musicale, ritmata... mi piace...-)
  • Luca Calabrese il 08/01/2007 22:28
    Non capisco il dialetto... comunque complimenti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0