PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Bus linea 4

È l'alba, al capolinea spiccioli di persone, s'affrettano a salire
un impulso elettrico, scuotendolo
lo fa impennare
agile s'avvia
gli ancora freddi pneumatici
mordono sordamente, l'appena schiarito asfalto
un fascio solare, il primo del giorno
lo spinge sù per la salita, la prima
prende brio, arrivato al piano
si ferma al semaforo
uno sguardo all'orizzonte marino, uno al traghetto
che mette fine all'incantesimo sardo
È verde.. stavolta ruggisce
sfrecciando, attraversa distrattamente
gli antichi borghi ancora immersi
in quel che rimane del sopore notturno
prima del caotico risveglio.
L'omogenea moltitudine, affolla l'interno
spariscono un po' alla volta i visi assonnati
per far posto a chi aspetta il sole
per il risveglio e
con loro, inizia un nuovo giorno

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 10/03/2010 20:24
    tu fai vivere il contesto della poesia...
    mi piace!!!!
  • loretta margherita citarei il 09/03/2010 06:14
    bel quadro descritto, la realtà quotidiana. piaciuta
  • ignazio de michele il 08/03/2010 23:54
    esatto, ottima intuizione. grazie del commento
  • Anonimo il 08/03/2010 23:36
    Uno spaccato di vita vissuta!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0