accedi   |   crea nuovo account

Corpi

Rieccoli i corpi
tornano ribelli
e scoppiano

silenziose le mani
salutano braccia
staccandosi
accarezzano angoli
di strade

sangue zingaro
libero
abbraccia l'asfalto
come un'ombra
senza
nemmeno un fiore

gambe
falcate impossibili
ultimo volo
olimpiadi di morte

corpi straziati
da un metallo
non so bene
impoverito dicevano
uranio sì
impoverito

impoverisce
anche il corpo
che spara
col sangue in casa
nelle vene
senza ribellione
e nutre
un'altra morte
lenta.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 02/07/2011 00:16
    Ritorno per dirti che siamo persone fortunate, tanto fortunate. Un abbraccio e l'augurio di andare avanti attraverso questo meraviglioso percorso, oltre i corpi e oltre la morte, perché sappiamo amare e l'amnore è immortale.
  • Anonimo il 23/06/2007 13:13
    Mi ribello alle tue forzature, combatto inerme contro le tue esplosioni di forze sconosciute che mi attraggono. Esco ferita e più forte per penetrare in un'altra tua morte. Ciao Nélida

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0