PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Restar qui significherebbe posar la penna

A fatica risalgo il monte dei sogni,
per raggiungere ciò che vi ho lasciato.
Per non dover versare ancora lacrime,
per non dover più aver vergogna.

L'aria che qua respiro s'è fatta spessa,
e non ho polmoni adatti per respirarla.
Perdonatemi se non so donar sorrisi,
ma in questi luoghi non ne trovo più.

La mia follia non mi fa viver questo tempo,
la mia passione ormai pesa troppo.
Questi luoghi tendon ad esser labirinti,
più m'addentro e meno so venirne fuori.

restar qui significherebbe posar la penna.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 10/03/2010 21:14
    bella, non mollare la penna, sei bravo
  • Anonimo il 10/03/2010 21:05
    Io direi di continuare ad usarla la penna. È meglio la tua che quella delle galline!
  • Anonimo il 10/03/2010 19:29
    Emilio, segui il consiglio di Cesare... usane due invece!!!
    È bella e sei bravo a scrivere... resta!!
  • cesare righi il 10/03/2010 19:09
    un consiglio?
    resta e non posar la penna, anzi usane due... meriti
    anche questa piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0