accedi   |   crea nuovo account

Ribelle

Come l'erba
rompe l'asfalto
cercandone vita,
come il bimbo spinge
nel ventre materno
per conoscerne il mondo,
così c'imponi
la tua esistenza,
così ci mostri
vitalità
a noi amorfi
che in un guscio viviamo.

Ribelle,
per noi tu sei
soltanto ribelle,
per noi già morti
in un mondo d'immagine
dove tu viva
esprimi emozioni
senza etichette
ignorando vergogne.

Ribelle,
a questo mondo conformista
incompresa da chi
opprimer ti vorrebbe
di quella tua
libertà,
da altri derisa
nell'invidia d'un sogno.

Ribelle,
nella notte che
sviluppa pensieri
e la mente vaneggia
alla ricerca
d'un fantasma di vita
in triste atmosfera
d'un saluto mai dato
come di chi
nel sogno svanisce.

Ribelle,
così ti vorrei
in un mondo proibito.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 10/03/2010 23:28
    Una bella poesia, ben fatta, scorrevole e di contenuto!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0