username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Serena

Lei, serena,
sa di vento, profuma
di cose buone, di dolci, di sole
Lieve, il suo respiro
Leggerezza di una bianca colomba
sapore di vaniglia
Si asciugherà una lacrima
Col suo aperto sorriso
vestita nell'arcobaleno
Tornerà
a spezzare quel gelo
nel cuore di chi l'ha incontrata
ma non l'ha mai capita
Di chi non si è accorto che dietro il suo velo
apparenza, batte forte il suo cuore, sua essenza
Il suo sguardo è di cielo, di cose trasparenti
che si vedono solo con gli occhi del cuore
Le campane sciolte, scioglieranno i pianti in canti di gioia,
resurrezione
Se fosse una donna sarebbe Serena...
come una rondine che ritrova il suo nido
Lei, felice... come una Pasqua!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • tania rybak il 11/03/2010 15:25
    che emozione, speranza e amore, per ritrovare la nostra resurrezione. bravissima. peccato che non mi chiamo Serena.
  • Anonimo il 11/03/2010 12:07
    Può essere sempre una vera Pasqua se riusciamo ad andare oltre l'apparenza e a manifestare noi stessi. La Pasqua è una rinascita che avviene solo dopo la morte. Se non moriamo alle nostre indecisioni non risorgiamo mai da noi stessi!
  • karen tognini il 11/03/2010 09:15
    Brava Laura...è una gran bella poesia!

    Buona giornata!
  • Salvatore Ferranti il 11/03/2010 08:51
    poesia che mi ha emozionato molto... applausi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0