accedi   |   crea nuovo account

Selvatica rottura

Divorato dai sorrisi ipocriti
e dalle false promesse
di amicizie fallimentari
da parole di stupidità
l'orribile prospettiva che si presenta
sopra i miei contatti
davanti alle mie conoscenze
continua a rivestire di melma
tutte le sorprese.
Quanto orrore nelle relazioni
umane per modo di dire
più dolce è il mondo selvaggio
libero da costrizioni e gelosie
libero dalla prospettiva
di coerenza
Odio questa terra,
che scappa dai sentimenti
e solo il disgusto
cresce nei miei pensieri
e nelle mie emozioni,
lo schifo non ha fine.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • loretta margherita citarei il 12/03/2010 07:37
    amarezza di un cuore ferito, bei versi, bravo
  • Anonimo il 11/03/2010 21:51
    Ti ho lasciato che ci stavi provando ed è già finita... delusione per i rapporti con la gente, non hai fatto una cernita?? Non si può amare ed essere amati da tutti... ci sono le persone affini, quelle che la pensano come noi, che ci possono comprendere...
    bella poesia piena di amarezza ma estremamente bella...
  • Anonimo il 11/03/2010 17:30
    Ciao, un saluto da Nonno Libero.-
  • Anonimo il 11/03/2010 16:27
    La penso esattamente come te. Bisognerebbe vivere un po' nella mia Africa per capire i veri sentimenti, l'amore, il gusto di vivere e l'essenza intima delle cose. Nella società odierna, ipocrita, arraffona e consumistica, manca l'amore verso l'essere umano, l'umiltà. la fratellanza, lo stupore, la semplicità... tutte quelle doti semplici che fanno di un uomo un vero uomo e non una stupida volgare marionetta. ciao
  • Anonimo il 11/03/2010 16:20
    Una vibrata protesta contro il marciume in cui viviamo. Hai detto bene, è meglio il mondo selvaggio, almeno è più immediato, più diretto e privo d'ipocrisia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0