PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Turris eburnea

Parole non so dir, seppur preziose
che valgan più di misera festuca,
agli occhi suoi anco le belle rose
son come l'erbe che la capra bruca.
Le sue graziose labbra sono chiuse,
parole non rivolge al suo cantore
che vanamente invoca a sé le muse
per trasmetterle un poco del suo ardore.
Da cotanto diniego son distrutto
insonne vagabondo per le ville
dalla Rupe Tarpea quasi mi butto,
quand'ecco comparirmi un diavoletto:
"In una busta di euro metti mille,
sicuramente t'aprirà il suo letto!"

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • B. S. il 13/03/2010 22:47
    Colta, dissacrante e ironica.
    Mi piace Paolo.
    un bacio.
  • loretta margherita citarei il 12/03/2010 07:30
    ha un senso ironico ed amaro, bella la forma, bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0