username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ormai ho paura

Ormai ho paura
a guardare il fuoco,
nel vedere la legna
diventar carbone,
il carbone cenere.

Ho paura
nell'ascoltare il vento,
nel sentirlo
in silenzio gridare,
nel sentirlo freddo.

Ho finanche paura
dei sorrisi,
per quanto veri
li vedo tutti
grondanti di sangue.

Ho paura
dei cani che mordono,
ho paura
degli sguardi dolci,
ho paura
delle belle donne.

Ho paura di dio
dei suoi giudizi.
ho paura...
... se lo posso dire.

Ho paura di me
ubriaco.
Ho paura
degli uomini tutti,
delle puttane.

Ho paura delle giacche
e della bella gente.
Temo la borghesia
e le donnette truccate
sono tutte finte!

Ho paura
dei bambini,
della sincerità,
dell'amore,
delle parole...

Ho paura
di tutto ciò che sia
vero o inventato,
... troverà sempre il modo
per farmi male.

Ho paura
ne ho proprio tanta...

Ho paura
persino dei fiori,
per quanto belli
essi possano essere,
prima o poi
appassiranno.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • ciro la ferola il 28/11/2011 01:51
    questa poesia è davvero bellissima, davvero! l'hai sentita e si senpre... ma se posso dire la mia, credimi, la tua non è paura ma solo vogla di amare. E giacchè l'amore manca ultimamente su questo mondo, e manca ahime da tanto tempo, la tua voglia d'amare la vivi come una paura... ma invece l'amore tornerà, non avere paura, l'amore torna sempre.
  • Deborah Cavazzini il 29/07/2010 15:53
    Bellissima! Soprattutto la paura dei fiori...
  • marilena il 27/07/2010 18:10
    la tua è una bella paura perchè possiedi una profonda sensibilità: è una preghiera alla vita.
  • Anonimo il 24/06/2010 12:34
    splendido capolavoro che racchiude in sè le fragilità dell'uomo moderno... da leggere e rileggere
  • Anonimo il 18/05/2010 20:51
    Il dolore spesso può essere straziante... ma bisogna accettare le cose nelle propria essenza... il resto devi essere tu a manipolarlo!
  • vincent corbo il 12/03/2010 07:31
    Un esempio mirabile di vera poesia.
  • loretta margherita citarei il 12/03/2010 07:28
    è molto intensa, ma vivere con le paure è non vivere, bellissima
  • denny red. il 12/03/2010 04:46
    bravissimo!! poesia capolavoro!! ... a rileggerti!!
  • laura cuppone il 11/03/2010 23:52
    il tuo dolore é palpabile
    odora di solitudine
    e pensieri nell'ombra
    ma l'origine delle tue emozioni
    é lo specchio chiaro e netto
    della tua estrema e profonda capacità d'amare...
    l'arte, una donna, l'universo...
    da qui il timore d'avere
    da qui la paura di essere...

    sono solo sensazioni
    ma questo trasmette quell'"ormai"
    non definitivo
    ma solo
    consapevole...

    scrivi!!!!
    o guarda fuori...
    potresti trovarti...

    Laura
  • Anonimo il 11/03/2010 23:19
    Concordo con Mirco... il coraggio di ammettere le proprie paure non è segno di debolezza ma bensì di forza... ti senti sopraffatto dal mondo intero, non conosco questo stato d'animo, me lo stai raccontando tu ed io leggo... leggo e basta senza giudicare!!!
    Bella, vera... grazie per aver denudato la tua anima, onorata di leggere!!
  • mirco solda' il 11/03/2010 22:31
    Quante paure la gente nasconde in un mondo di eroi ma spesso di carta.
    Il coraggio di ammettere, ben scritta.