accedi   |   crea nuovo account

Sera

Lucido le idee
E come scarpe fuori ripongo
M’inoltro nel tuo tepore
Calmo, scuro, avvolgente
Per oggi la guerra è finita:
t’aspettavo, sera.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

21 commenti:

  • Anonimo il 30/08/2008 21:26
    E bella Rossella. Parole scelte con cura. Da leggere di sera, ovviamente.
  • b f il 29/05/2007 19:45
    Fatica di vivere espressa in fondo serenamente
  • morena paolini il 24/05/2007 09:46
    molto bella. Ciao
  • Notari Silvano il 23/05/2007 14:30
    Molto asciutta ed essenziale. È importante non scivolare nel prosastico. Piaciuta!
  • mariella mulas il 27/03/2007 18:38
    Di grande e immediato effetto! L'importante è poi riuscire a dormire senza pensieri...
    Mi piace molto.
  • augusto villa il 23/03/2007 22:51
    Ma che bella!... siamo tutti in guerra!... e personalmente aspetto la sera come se fosse la mamma... che accoglie... me e le mie paure... le mie fatiche... ah che bello quando vien sera!!!!
    Brava! Complimenti.
  • A. il 23/03/2007 13:54
    .. bella nell'espressione dell'attesa
    A. M.
  • A. il 23/03/2007 13:49
    .. bella nell'espressione dell'attesa
    A. M.
  • Notari Silvano il 17/03/2007 19:12
    Un bel cesto di gradevoli metafore. La sensazione serale di chiudere il mondo fuori, con un semplice giro chiavistello. Silvano
  • sara rota il 15/03/2007 13:52
    Mi piace, mi dà un senso di calore nell'attesa
  • MD L. il 14/03/2007 19:08
    Bello questo tuo accogliere la sera come si accoglie un amore. Mi piacciono molto i versi : "M’inoltro nel tuo tepore, calmo, scuro, avvolgente."
    Ciao
  • rossella bisceglia il 31/01/2007 15:19
    brava Tere, hai colto in pieno il senso della mia poesia: che soddisfazione!!
    Vorrei leggere le tue, coraggio!
  • terry Deleo il 30/01/2007 22:38
    sei davvero brava. mi chiedevo se la guerra poteva essere una giornata dura di lavoro... non smetterò di leggerti.
  • alberto accorsi il 11/01/2007 18:28
    Deliziosa. Non mi convince "e come scarpe fuori ripongo". Come metafora è bellissima ma dal punto di vista grammaticale forse si potrebbe aggiustare un pò.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0