accedi   |   crea nuovo account

Chissà

Chissà cosa pensa il mare,
nel suo agitarsi infinito,
quando si sente osservare
da chi la meta ha smarrito.

Chissà cosa pensa il sole,
mentre stanco tramonta,
di chi consuma le suole
per inseguir la rimonta.

Chissà cosa pensa il vento,
quando soffia il suo canto,
sullo sguardo sgomento
di chi versa il suo pianto.

Chissà cosa pensa la luna,
mentre diffonde clemenza,
sull'approdo di fortuna
che chiamiamo esistenza.

Chissà cosa pensa una rosa
del nostro cuore ansimante,
che ha la sorte per sposa,
ma dei sogni è l'amante.

Chissà cosa pensa gennaio
della nostra folle speranza
che anche sopra il ghiacciaio
non si interrompa la danza.

Chissà cosa pensa la gioia
quando non ci accorgiamo
che la vita è anche il boia
a cui la testa porgiamo.

Chissà cosa pensa il mattino
della nostalgia forte,
bella come un bambino,
già gelida, come la morte.

Chissà cosa pensa la speranza
quando esigiamo tempi migliori
dimenticando che è abbastanza
che ci siano tempi ulteriori.

Chissà cosa pensa la pace
quando osserva che in terra,
c'è un uomo che giace
a cui fa veglia la guerra.

123

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/11/2013 05:19
    apprezzata, complimenti.

3 commenti:

  • Anonimo il 25/03/2010 13:29
    Poesia d'altri tempi, ma sempre poesia! Buona, mi piace!
  • loretta margherita citarei il 14/03/2010 07:54
    bei versi, è poesia pura, bravissimo
  • Anonimo il 13/03/2010 22:55
    Finalmente una poesia degna di questo nome. Mi complimento seppure con una punta di invidia. Ciao, Gregory

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0