accedi   |   crea nuovo account

Dal balcone di Manu

Ho bevuto dal tuo bicchiere l'altra sera a cena
mentre orientavi i tuoi pensieri di candida neve
su argomenti seri del tipo... salviamo la terra...
ora o mai più... adesso noi tutti lo dobbiamo
e con gli occhi di chi spera e mai si arrende mai
mi hai parlato dei progetti e sul da farsi subito
ho sentito la tua voglia contorcersi in me perdutamente
e ho sognato anch'io con te.
Intorno al tavolo apparecchiato le notizie alla tv
hanno lo stesso sapore ogni sera
cambia il giorno ma il menù resta uguale.
Tu in mezzo a noi ritorni a parlare di ieri
e della necessità di una speranza
di una visione meno catastrofica.
Sentirti a volte è come cantare a squarciagola...
liberarsi da un fardello troppo grande
non arrendersi mai o semplicemente illudersi.
Se ti dico che oggi dal balcone di Manu
la realtà era surreale di fronte all'immenso che tu sai
in poche parole tutto mi sembrava perfetto.
Il gabbiano che volava sull'ondulato mare in cerca di cibo
era il mondo per me in quel momento... equilibrio puro
nulla di terrestre
nulla che potesse far pensare veramente
a questa complicata vita.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Grazia Denaro il 25/01/2012 16:19
    Poesia molto riflessiva molto bella!
  • loretta margherita citarei il 14/03/2010 09:35
    molto bella, il verso del gabbiano, mi è piaciuto molto
  • laura marchetti il 14/03/2010 09:17
    dalla realtà al sogno, forse per sfuggirla o per affrontarla... molto bella!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0