PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Insurrezione napoletana

Toledo San Gregorio Caracciolo
Chiaia Fuorigrotta Materdei Vomero
si combatteva nei rioni - non con le armi -
abominando carestia, sozzura e infine
fame, più avversa delle vili bombe.
Il cuore di Partenope, sfregiata dall'umana
angheria - prima d'allora- non aveva
esecrato alcuno, ma le sofferenze e le
illusioni armistiziali azionarono
insurrezione - anarchica e ribelle-.

Scholl - il colonnello- odiava il
Belpaese, accatastò migliaia
e migliaia di partenopei per
la fucilazione di un marinaio,
terminò lo spettacolo e tutti
a piedi verso Aversa, morirono
una decina sotto gli occhi
degli affollati.

Un miracolo umano corre
per rioni, quattro di Giornate
a lottare e sparare
vince il popolo, il tedesco
si ritira come un leone
prostrato di correre
bramosamente per la giungla,
che è Napoli.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0