accedi   |   crea nuovo account

Giustizia

Vorrei attingere alla tua fonte
dissetare la mia sete
di giustizia
vorrei che quella dea coronata
scendesse dal suo scranno
e dal suo mantello, dal suo codice
dalle celle del cuore, anguste
lasciasse scaturire come fonte
sentenze sempre giuste
veloci
diritti e rovesci
con la stessa velocità
di una partita a tennis
senza la polvere
di polverose lungaggini burocratiche
che archiviano le pratiche
giustizia
sempre ad un bivio
dell'ufficio archivio
falde, faldoni, faldini
e i diritti dei cittadini?
... archiviati!

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • denny red. il 18/03/2010 04:38
  • tania rybak il 17/03/2010 23:37
    magari, ma ha ragione Lor, ci vorrebbe diluvio universale e una nuovo generazione più abile... pura utopia... scrivi sempre bene, brava
  • Anonimo il 17/03/2010 13:38
    Complimenti!

  • Anonimo il 17/03/2010 13:07
    Già, come si può se consideriamo pure che lavorano poco e guadagnano tanto!
  • karen tognini il 17/03/2010 12:19
    Condivido... brava...
  • Patty Portoghese il 17/03/2010 11:48
    Molto piaciuta per la tematica e la messa in versi!
  • loretta margherita citarei il 17/03/2010 11:37
    ci vorrebbe un'inondazione di giustizia, ma è pura utopia, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0