PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'urlo ricordando gli occhi di quel filippino decapitato

Cadono le teste mozzate,
nefande reazioni
a spregevoli azioni
dell'uomo senz'anima.

La grande scure
eliminerà presto
la luna dal cielo,
in nome di Dei assonnati.

La vita fugge via
inoltrandosi
nei tunnel della notte,
sconfiggendo la speranza.

L'amore latitante
saluta invisibile,
rivolgendo il suo sguardo
oltre i confini dell'universo.

La storia narrerà
ai radi sopravvissuti,
la fine d'un contaminato
impossibile mondo.

Prendi il mio abbraccio uomo,
Conservalo!
Perchè a breve non avrai
più nulla di bello da ricordare!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • denny red. il 18/03/2010 03:47
    bravo!! scritta bene!!
  • Anonimo il 17/03/2010 20:21
    Sempre espressivo, sentimentale, ed ottimo giocoliere delle parole.
  • francesca cuccia il 17/03/2010 19:24
    Belle parole caro Auro, la storia narrerà di questo mondo di dolore, bravissimo.
  • loretta margherita citarei il 17/03/2010 16:35
    un episodio sconvolgente, ben descritto piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0