username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'ottavo giorno

La spiaggia infuocata
rivelò le forme
continuazioni ondose
di dune
bianche

L'aria tremava
in una danza
al cielo
gonfio di luce
e privo di ombre mobili
per nuvole smarrite
tra venti
timidi

Ruotarono sette volte
bilie di vetro
nel cappello
poi insieme si fermarono
al centro esatto
con un tocco

Le vele a largo
smisero di gonfiarsi
gabbiani in volo
cominciarono a posarsi
le mani in dolce frenesia a cercarsi
il suono
lentamente
sollevarsi


Riflesso al raggio
paradossale
spostarsi l'aria
in fondo al fondo
immenso
tenace
fin dentro
al dentro
tra qualche oggi
misterioso ingegno...

L'ottavo giorno
quello fu
il segno.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Bawidiana Ross... il 17/04/2010 20:04
    Mi ha fatto venire la pelle d'oca :brava :
  • Don Pompeo Mongiello il 19/03/2010 20:09
    Una poesia magistralmente ben scritta e significativa. Complimenti vivissimi!
  • Anonimo il 19/03/2010 12:19
    Ciao Lauretta, che preziosità.. le tue poesie sono fonte di innumerevoli acquitrini, dove raccogliere tanti pesciolini delicati e qualche barracuda..

    Un caro saluto!
  • Sergio Fravolini il 18/03/2010 16:36
    È un'opera molto bella e ricca di emozioni e di paradisi lontani.

    Sergio
  • Anonimo il 18/03/2010 13:41
    L'ottavo giorno come qualcosa che ancora non è, ma che sarà!
  • B. S. il 18/03/2010 13:30
    A volte mi chiedo da quale pianeta proviene una creatura come te...
  • Anonimo il 18/03/2010 12:33
    oh si la conservo..
    sicuro
  • Anonimo il 18/03/2010 12:32
    .. splendida, '' e quello fu il segno, l'ottavo giorno
    splendida davvero Laura
  • Vincenzo Capitanucci il 18/03/2010 10:44
    L'ottavo giorno... l'infinito... scese fra di loro... 181...

    Splendida Laura...
  • Salvatore Ferranti il 18/03/2010 09:57
    bella poesia... molto apprezzata...
  • laura cuppone il 18/03/2010 09:27
    tutto torna al suo posto
    prima o poi
    trasfigurato
    e uguale a se stesso
    in una perfetta
    amorfa
    completezza
    in un tempo dallo spazio
    incontenibile
    ... grazie Loretta per aver colto
    grazie Samuele
    d'aver intuito...

    Laura
  • Samuele Scagliarini il 18/03/2010 09:09
    Una quiete post tempesta, o in attesa di un tumulto? La seconda strofa è stupenda... bonjour!
  • loretta margherita citarei il 18/03/2010 08:57
    fantastica, il giorno dopo il settimo della creazione, in simbologie che invitano alla riflessione, come sempre sei super
  • laura cuppone il 18/03/2010 08:43
    L'opera sarà parzialmente modificata... a breve.
    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0