PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Aquila che ormai non ha più cielo

Aquila che ormai non ha più cielo.
Ecco cosa sono.
Lupo senza zanne.
Ecco come mi vedo.
Non ho più la forza di scrivere, la mia mano martoriata si alza per poi
ricadere priva di vita.
Aquila che ormai non ha più cielo.
Lupo senza zanne.
Donna senza più anima.
Ecco che cosa sono.
Ma le persone non devono saperlo.
Perché se no mi odierebbero...
Perché se no mi disprezzerebbero...
No, no, no.
Non deve accadere.
Indossa la maschera.
Rifatti il trucco.
Sorridi. Aquila fiera e maestosa.
Sguardo freddo. Lupo affamato.
Controllo del cielo, padronanza dei sentimenti.
Ecco che cosa dovete vedere.
Sorrido con il volto coperto di lacrime.
Non c'è più nulla da dire.
Non c'è più niente da ascoltare.
Recita. Fingi.
Privati del cielo e dell'orgoglio.
Privati delle tue opere vincolo dell'immortalità.
Recita, aquila che ormai non ha più cielo.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Regina Ghiglietti il 20/03/2010 12:29
    ringrazio dal profondo del cuore ognuno di voi, con questa poesia ho voluto raccontare di come ci si sente in questa società che etichetta il diverso come pericolo e delle trappole psicologiche che molte volte scattano e mi fa piacere notare che persone come voi capiscono...
    cercherò pian piano di toglierle e non avere più paura di me stessa...
    grazie ancora vi abbraccio^^
  • tania rybak il 20/03/2010 00:07
    non fingere mai e non dimostrare nulla a nessuno, ascolta il tuo cuore, parla con il tuo spirito, Dio ti ama, piccola, conosce la tua sofferenza... non vergognarti di essere vulnerabile e non assomigliare a questa società spesso degradante... ci sono tante... tante persone pronte a volerti bene... ne temere di sbagliare... vola libera...
  • Anonimo il 19/03/2010 23:26
    Maschere che la società ti impone, però se cominci piano, piano a toglierle secondo me riusciresti a non indossarle più...
    bella poesia, trasmette proprio la tua indignazione!!!
  • Paola B. R. il 19/03/2010 19:25
    Invece non dovresti fingere, se sei arrabbiata: arrabbiati!!! Se sei triste: piangi!!! ...
    Fai uscire il tuo dolore... non vergognarti delle tue emozioni. Piaciuta.
  • loretta margherita citarei il 19/03/2010 15:58
  • francesca cuccia il 19/03/2010 11:53
    Spesso ci si sente niente, conosco questa sensazione ma, alla fine dobbiamo fidarci di più delle nostre capacità e sconfiggere le paure che ci fanno sentire niente, Molto bella, brava.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0