accedi   |   crea nuovo account

Eppure

Eppure ero convinto d'amarti,
eppure sognavo la mia vita con te,
eppure nel mio cielo eri l'unica stella.

Eppure mi stringevi, come
un bambino geloso stringe il suo orsacchiotto,
Euppure mi baciavi, come
una mamma bacia il suo piccoletto,
Eppure mi guardavi, come
un'amante guarda il suo uomo.

Eppure nel mondo, esistevamo solo noi,
eppure sulla terra, ci invidiavano tutti,
eppure la luna stessa, ci sorrideva.

Eppure ti accarezzavo, come
un papà accarezza la testa del figlioletto.
Eppure ti abbracciavo, come
un bimbo abbraccia i suoi amichetti.
Eppure ti osservavo dormire, come
un uomo osserva il volto celestiale della sua donna.

Allora amore mio, dove siamo finiti?
Allora tenero pulcino, come ci siamo finiti?
Allora stellina dolce, è tutto finito?

Sognavo di volare nel cielo con te,
ma io non posso volare ora, e tu sei lassù, con chi?
Sognavo di nuotare con te,
ma io non posso nuotare ora, e tu vivi nell'oceano, con chi?
Sognavo di giocare nel mondo con te,
ma io non posso giocare ora, e tu giochi, ma con chi?

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Ire... il 06/03/2007 17:28
    triste e malinconica. ma leggo una sorta di abbandono, di arresa. mi è piaciuta molto!
  • Carlo Diana il 15/01/2007 22:06
    è molto tenera. è giusto sia infantile come lo strazio di un bimbo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0