accedi   |   crea nuovo account

Cent'anni fa dicesti ad uno spicchio di sole quant'era bella luna

E certo verrà la notte assetata
d'equilibri spezzati
e le promesse di luce annegate
potranno
nell'ombra selvaggia sostare.
Presto
il tarlo insolente
comincerà il lavoro alacre
e silenzio di notte
non potrà sottrarsi
al suo rosicchiare.

Che importa ormai
il mio sentire
se a richiamare il triste inganno
è ogni lume d'ombre gitane.

Neppure un brivido
mi fa gemere
chè se nel corpo m'appartengo
nel pensiero dubita
l'essere altro da ciò che sono.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0