accedi   |   crea nuovo account

Andare

Ai tempi dei nostri primi incontri
conoscersi è stato inverno puro
due mondi piccolissimi ed invisibili
in cerca dell'universo.

Parlarsi a volte era più complicato
dello stare zitti
e il silenzio invece ci addomesticava
a quell'ascolto non sempre facile.

La primavera la saltammo per intera
non faceva al caso nostro a quanto pare
troppo semplice da digerire
abituati com'eravamo
a non tralasciare mai nulla.

L'estate ci travolse completamente
il mare si sa invade tutto e tutti
e talvolta cambia l'ordine delle cose.

L'autunno fu la nostra stagione più bella
ci spogliò di tutte le paure inutili
e ci rese liberi di andare.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Aedo il 21/03/2010 23:17
    Amore, intensità di sentimento: questi sono i temi della tua bella poesia. Brava!
    Ignazio
  • loretta margherita citarei il 21/03/2010 19:20
    molto bella, bei versi di un percorso amoroso, di un amore deluso, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0