username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Madre di Tufo

Si sbriciola nel mio tempo,
nel pulviscolo del mio tempo
si sbriciola,
in ogni passo,
in
scaglie di lamento
e di gioia.
Si sbriciola Palermo
in me
e non dà noia.
E mi racconta di sé
e di me
al contempo.
Passerò il Cassaro sornione
ed oltre la Porta Felice
abbraccerò
il nostro destino,
madre mia,
abbraccerò
un domani che non mi rappresento.
Non guardarmi con occhio traverso
quando
- sguardo di tufo sempiterno -
befferai la mia canizie
sotto il passo dei giovani
tuoi figli e nipoti,
e ti eternerai a mio dispetto;
non guardarmi con riguardo,
madre mia,
è breve la mia via,
ma lascia che lasci una firma:
una poesia,
e così sia.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • K. Lear il 09/04/2010 17:15
    Ehhhh bella bella. A me spesso viene difficile questa simbiosi con la città. Ma forse solo chi è artista può viverla intensamente
  • karen tognini il 21/03/2010 21:16
    Molto bella... Aldo... complimenti!
  • loretta margherita citarei il 21/03/2010 19:21
    belle immagini usate, bei versi, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0