accedi   |   crea nuovo account

Ateo

Roma attende il mio arrivo
come me che studio le sue
memorie in un'automezzo
che corre fra luoghi di pausa
e alberi spogliati.

Sono ateo quando leggo
il De Rerum Natura,
rossi ricordi di sangue
riempiono il mio vago cranio
ritornando al vile sacrificio
di Ifigenia,

immolata con il consenso
di suo padre, nella guerra
contro Priamo

Sacrifici divini, sacrifici
rozzi e divinamente marci.

Sono ateo quando i miei
esili pensieri volano alle
Crociate, divertitevi o
gente, spettacolo diretto
dalla Santa Chiesa Cattolica.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 22/03/2010 14:24
    Che peccato... ti ho dato 5 stelle ed invece sono diminuite. Il programma va per i fatti suoi...
  • Anonimo il 22/03/2010 14:23
    Lo sono anch'io... che combinazione. Ciao
  • vasily biserov il 21/03/2010 21:23
    la penso come te!! bravo!!
  • karen tognini il 21/03/2010 21:20
    Bravo... scritta bene... lettura piacevole!
  • loretta margherita citarei il 21/03/2010 20:25
    vi sono anche le crociate moderne, che allontanano... piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0