PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ode gastronomica

Le tue modifiche sono state salvate.

ode gastronomicaCondividi
Sab alle 18. 01 | Modifica nota | Elimina
non so come definirla lo iniziata cosi per scherzo ed e venuto fuori questo

ODE GASTRONOMICA



ohh che aulentissimo piacer per gli occhi
speriam che sia lo stesso per il palato
orsù non indugiamo
da dove iniziamo
partiam con gli antipasti
fra parmigian e caponate
ecco spuntar soave
un'insalata di gamberi e tarocchi
no no
resister non si può
mi perdo fra i colori
e i sapori
ma presto mi ritrovo...
davanti ad un'immensa
scodella d'insalata di mare
a che squisitezza
un dono di nettuno dio del mare
passo distrattamente al tavolo dei primi
che odorino che cos'è
a capisco...
e quella teglia di non so che cosa
desta tutta la mia attenzione
che goduria per il naso
che profumo sopraffino
son cannelloni...
ne vado pazzo
a me a me
girate al largo cercate qualcos'altro
girando in tondo per quel tavolo da lontano avvisto
una cosa sconvolgente
e nera e mette addosso una certa inquietudine
e un risotto al nero di seppia
e da tanto che lo sogno
mo aspetta che te magno
un po' di peperoncino grazie
adesso si e perfetto
mi allontano da te o mio ripiddu
e mi avvicino al tavolo dei pesci
cosa son quei rollatini

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • carmelo scimone il 23/03/2010 00:12
    grazie siete tanto gentili
  • Anonimo il 22/03/2010 18:53
    Me so' fatto n'attrippata di tutte quelle buone cose, m'hai fatto pure scordar che sono a dieta!
  • loretta margherita citarei il 22/03/2010 10:48
    come gli antichi romani