PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Kumite

Di corsa,
giù per le scale,
costantemente in ritardo,
verso quello stanzino
in cui si può urlare,
fare gli stupidi
e giocare,
per pochi minuti,
prima di cominciare.

Poi si entra.

Subito un po' più seri
si comincia a correre,
scherzando un po'
con chi non era giù con noi.

I battiti accelerano,
i piedi gelidi si scaldano,
il sangue prende a scorrere
veloce,
forte;
la respirazione aumenta,
chiacchierare non è più così facile.

Si comincia a sudare.

Tutti i muscoli chiamati in causa,
ogni attenzione richiamata dal corpo,
dalla fatica.

Poi ci si ferma.

Un po' di pace,
l'allungamento,
chiacchierando un poco.

Poi,
tutti in fila,
serissimi soldatini,
si fa il saluto.

Nemmeno una mosca ha il coraggio
di rompere il silenzio.

Di nuovo in piedi,
stavolta a coppie,
a fissarci negli occhi
con l'ombra di un sorriso
e la voglia di dimenticare tutto,

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Erica C. il 14/09/2010 00:22
    Davvero grazie mille per tutti i commenti!! ^_^
  • Duca F. il 09/09/2010 13:59
    Davvero molto interessante. Soprattutto molto originale.
  • Erica C. il 21/08/2010 21:16
    Che bello trovare qualcuno che sa di cosa parlo!! ^_^
  • Nenia Samael il 21/08/2010 13:09
    Hajime, Kumite! Che ricordi che mi hai risvegliato...
  • Erica C. il 06/08/2010 09:58
    Il concetto lo conosco bene: darsele di santa ragione sul tatami, a volte facendosi anche un po' male, e abbracciarsi alla fine del combattimento chiedendo scusa e rispondendo che no, non ti sei fatto male, anche se hai il labbro che pulsa e vorresti sputare sangue... E combattendo sul tatami ho incontrato davvero molti amici...
  • Anonimo il 02/08/2010 20:39
    Il contatto è spesso una necessità, se di tipo traumatico rende meglio l'anima della persona, senza filtri di cortesia. In passato ho fatto qualcosa di simile, non per troppi anni, ma abbastanza per capire che l'arte marziale non è un 'darsele di santa ragione' e nemmeno un 'io ti spiezzo perché sono macho'. Direi che è una canalizzazione, una disciplina nel disordine tra azione e reazione, un conoscersi per conoscere, e non ultimo un rispetto per noi stessi. Chi hai di fronte è anche tuo avversario, ma non più di quanto lo sia la paura. Magari questo mio approccio è troppo 'filosofico', in barba ai colpi rapidi e le proiezioni eseguite senza pensare. Ma credo che l'allenamento, profondo, e la convinzione, determinata, porti a vedere meno nemici e più persone. Dentro e fuori dal tatami (aspetta, forse l'ho scritto sbagliato. Ma focalizzati sul concetto!
  • Erica C. il 02/08/2010 20:31
    Massimiliano, pratico questa attività da 11 anni, e credo che tu con poche righe abbia saputo descrivere quello che provo meglio di quanto sia mai riuscita io in tutto questo tempo... In questo testo le chiamo "botte", ma per me il combattimento è un modo anche per conoscere le persone, credo che si capisca molto più di una persona combattendoci cinque minuti che parlandoci un'ora. In più credo che questo tipo di contatto fisico leghi le persone molto più di tante altre cose. Grazie mille per i commenti! ^_^
  • Anonimo il 02/08/2010 09:39
    Uno stanzino fuori dal quotidiano, dove vale solo il presente. Di solito 'le botte' non vengono recepite come senso di libertà, eppure l'arte marziale ha solo bisogno d'essere capita. E credo che quando succede, diventa una sorta di necessità dove scaricare energie, un micromondo condiviso magari con pochi ma comunque sufficienti a creare l'armonia. Qualcosa a cui una volta risaliti gli scalini, e tornati nel mondo piuttosto normale, si ha voglia di dedicare una poesia di riconoscimento
  • Erica C. il 06/05/2010 14:16
    Grazie! Lo sport è il karate, e kumite è il combattimento...
  • Anonimo il 22/03/2010 19:07
    Bella la descrizione che ne fai di questa attività sportiva!