PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ripensamenti

Questo verso e questa sera
(e ogni verso e ogni sera)
hanno raggiunto
lo stesso logorio
nella memoria.
Mente accecata
da ogni barbaro cenno
o elementare pensiero e desiderio
e quasi ansiosa
di bruciare il sole: vana,
invero, ridicola la sera
e tante mie parole.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Giuseppe Columbo il 22/09/2007 10:44
    Qua è descritto bene il pessimismo "cosmico" tanto caro a qualcuno...
    Trovo questi versi profondamente legati al senso della tragedia che ogni essere umano vive a suo modo.
  • Riccardo Re il 24/06/2007 19:56
    hai unaltro modo di sentire. delicato, dolce. qui c'è questa nebbia finale prima di un sogno. O prima id scivolare nell'incoscienza. c'è una specie di linea leggera da superare, ma la voglia di allungare ancora il tempo (impressione)
  • mariella mulas il 05/06/2007 16:10
    Sì è bella, riflessiva che solo un'anima dolce può esprimere.
  • gabriella zafferoni sala il 20/04/2007 09:35
    trovo, invece, la nota tra parentesi, come squisita pausa riflessiva. blocca il tempo a dispetto delle virgole..
    brava
  • Riccardo Brumana il 22/03/2007 11:34
    avrei tralasciato il secondo verso, comunque molto bella.
  • Franco Limbardi il 21/03/2007 00:07
    Molto malinconica ma molto intensa e poetica.
    Brava!
  • Gian AR il 13/03/2007 18:47
    complimenti! le tue profonde riflessioni destano un po' di malinconia, ma è poesia.
  • augusto villa il 13/03/2007 14:37
    Brava Brava Brava!
    Mente accecata da ogni barbaro cenno...
    Piaciuta molto.
    Ciao.
  • Antonio Pani il 19/01/2007 08:43
    Molto apprezzata, mi fa pensare a millisecondi infiniti, nei quali a volte ci si perde, avvitandosi su se stessi. Guardarsi dentro... e trovarsi, è un bene prezioso. A presto.
  • Anonimo il 17/01/2007 17:22
    Ma sai che scrivi bene?
  • celeste il 16/01/2007 21:58
    Colgo un frutto profumato, da un albero isolato. Nessuna siccità si nutre senza sole neppure le parole. Ciao bimba
  • Luca Calabrese il 16/01/2007 14:01
    Difficile riuscire a commentarla. Quasi sembri un pensiero provenire dai meandri delle angoscie scatirite dalla sera. Ma le tenebre in fondo sono amiche e consigliere. A me fanno sognare...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0