accedi   |   crea nuovo account

Giustizia e Libertà

Nel '29 nacque qualcosa di
"rivoluzionario" e "utopico"-
Giustizia e Libertà-,
socialista, democratico,
liberalista, anticomunista.
Volevano essere socialisti
senza studiare o avere le
sembianze del marxismo.
Volevano combattere il
fascismo senza contare sul
sacrificio e l'agonismo dei
compagni!

Arrivò l'ora della Resistenza,
il momento in cui le parole
si imputridiscono e i coraggi
dei militanti si induriscono
vedendo mogli e bambini
essere trucidate da un pazzo
nazista o - fascista- .
A capo c'era Ferruccio
- il comandante- ,
Parri desiderava una
repubblica come quella
sognata da Mazzini un cento anni fa:
"Nazione Una, Indipendente, Libera,
Repubblicana".
Impeccabili parole accompagnarono
il partigiano nell'ardua salita
verso il picco montanaro,
centro di coesione.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 23/03/2010 21:06
    grazie dei tuoi spaccati di storia, piaciuta
  • loretta margherita citarei il 23/03/2010 21:05
    grazie x insegnarmi spaccati di storia piaciuta
  • Vincenzo Capitanucci il 23/03/2010 14:27
    Non basta vivere pulitamente per essere puliti... c'è sempre da imparare qualcosa dalle Tue poesie...
    Bravissimo Savatore... coscienza storica...
    Dai Gap... di Milano... in Sogno... di liberazione...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0