username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un funerale di paese

Una tradizione che resiste al tempo,
un miscuglio di sentimenti,
ricordi lontani, pensieri senza senso.
Espressioni tristi, lacrime...
Espressioni vuote, insulse...
La Chiesa gremita, l'odore di incenso,
la dignità di chi crede,
l'arroganza di chi fa finta.

Il corteo, passi ritmati, quasi una danza,
Le preghiere del prete,
le preghiere in coro,
il falsetto.

Il cimitero, il disordine dei vivi,
l'eleganza dei morti,
... un miscuglio di anime.
Il frastuono: strette di mano, abbracci...
La fine del rito.
Il silenzio.
La libertà.

Tu avresti sorriso.

Riposa in pace.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • giuseppe gianpaolo casarini il 17/08/2012 11:06
    I vari quadri che si succedono ben descritti con arguzia e sottile ironia..
  • Gianna Ode il 19/08/2010 08:44
    descrizione unica, sembra di partecipare assieme mentre la si legge.. toccante!
  • Michele Rotunno il 04/08/2010 22:58
    Caro Ivan, mi viene l'orticaria ogni volta che mi accosto alle poesie, dovute alla insana invidia che provo verso i poeti per il grande dono della sintesi che a me manca del tutto.
    Ultimamente sul sito si parla di morte e cimiteri, anche per colpa mia, perciò, vinto dalla curiosità sono venuto a leggerti. Il commento? Santo Iddio, per esprimere le stesse cose ci avrei scritto un piccolo romanzo.
    Ovviamente, invidia a parte, è stato un piacere leggerti.
    Ciao
  • sara zucchetti il 02/08/2010 09:51
    Bravo bei versi mi è sembrato di assistere al funerale. (Il cimitero, il disordine dei vivi,
    l'eleganza dei morti)
    (la dignità di chi crede, l'arroganza di chi fa finta.)
    è una poesia molto originale dedicata a chi va in cielo e riposa in pace.
  • Amorina Rojo il 16/05/2010 08:15
    Una poesia che rende "viva" l'atmosfera del funerale di paese... e, perchè no, di città.
  • Anonimo il 22/04/2010 12:22
    Vissuto fino in fondo, avvertendo il senso d'una ipocrisia diffusa, dalla quale siamo immuni, mio caro Giovanni!
  • Marta Niero il 20/04/2010 23:33
    la dignità di chi crede,
    l'arroganza di chi fa finta.
    questo è ciò che mi ha fatto riflettere a più ampio raggio..
    per il resto come in prosa hai saputo dipingere dettagliatamente, senza i colori ma con le parole, un quadro perfetto
  • Anonimo il 29/03/2010 13:44
    Emozionante...
    Hai dipinto con le parole la realtà di quelle..."situazioni"...
    Ciao.
  • Ivan Bui il 24/03/2010 02:06
    Dedicata a un amico che ci ha lasciati in silenzio, troppo in fretta, rompendo un equilibrio invisibile.
  • Minalouche TS Elliot il 23/03/2010 20:53
    Mi hai emozionata, parole scarne come scatti in bianco e nero... bellissima la chiusa.
  • loretta margherita citarei il 23/03/2010 20:45
    bella scena anche se triste, ben scritta
  • Cinzia Gargiulo il 23/03/2010 20:38
    Ha descritto la scena alla perfezione.
    Sempre bravo Ivan.
    Un abbraccio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0