accedi   |   crea nuovo account

Nella quotidianità di un giorno lavorativo, all'improvviso

Nella monotonia cromatica di questa autostrada
m'appare all'improvviso un mosaico di colori,
magicamente attratto il mio sguardo se ne fugge
e sorvola l'incantevole spettacolo di fata primavera.
Abbracciato da un dolce profumo arresto la mia veloce corsa
abbandonandomi ai tempi naturali della nostra terra.
Nell'immortalità del pesco si immerge l'anima mia,
assaporando già il nettare dei suoi frutti
la mente si nutre di quel rosa,
così pallido da sembrar timidezza su gota di fanciulla.
Spazio, improvvisamente senza peso,
tra verdi colline, accarezzando mattutine primule,
allegri cespugli ritornano alla vita,
immacolati narcisi dondolanti mi salutano,
tenere violette, nate dall'idea di un giocoso elfo,
diventano araldi di questa primavera.
Con lo sguardo del ricordo
anch'io regalo ai mie pensieri una nuova fioritura
e mi tuffo tra fiori di ciliegio, tra meli in fiore e campi di papaveri.
Lentamente l'anima mia si riaccompagna al corpo,
e riprendo il mio cammino,
ma la mia scia ora è profumata.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Dolce Sorriso il 25/03/2010 12:09
    che bella!!!!!!
    piaciuta molto
  • tania rybak il 24/03/2010 23:35
    Ave Cesare,è arrivata la primavera anche per te. bellissima
  • Anonimo il 24/03/2010 20:53
    La primavera fuori risveglia anche i sensi dentro di noi...
    Praticamente stavi lavorando e hai cominciato a camminare e sorridere... ahahah.. ti ci vedo!!!
    Bellissima Cesare...
  • Vincenzo Capitanucci il 24/03/2010 20:49
    Una bellissima communione con il risveglio della natura... Cesare... porta ai propri pensieri... una nuova fioritura... e si continua la strada... con deliziosi profumi dentro di <Se...
  • loretta margherita citarei il 24/03/2010 20:33
    la natura aiuta molto, bellissime riflessioni, bravo cesare
  • Cinzia Gargiulo il 24/03/2010 19:02
    Evviva! La Primavera è arrivata e tu ce ne regali profumi e sensazioni.
    Bravissimo!...
  • B. S. il 24/03/2010 18:50
    Che meraviglia questo viaggio nella primavera.
    Bravo!
  • Donato Delfin8 il 24/03/2010 18:44
    Wow Cesar1.
    Ottima.
  • Anonimo il 24/03/2010 18:08
    Se solo riuscissimo ad notare il miracolo della natura che si ripete continuamente intorno a noi...!
    La tua poesia è molto bella e coinvolgente, sembra immergersi in questa distesa di vita e di colori.
  • Don Pompeo Mongiello il 24/03/2010 18:00
    5 st. ed un veno a Caesar da lo Magno.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0