accedi   |   crea nuovo account

Atomo fallito

Ho cercato tutta la notte
Qualcosa che fosse nuovo...
Poesie mai scritte
Racconti mai narrati
Sentimenti senza nome
Parole mai dette.
Ho cercato tutta la notte
Ho trovato solo odore di vecchiume
In questo mondo imbalsamato...
Ho trovato sentimenti consumati da apatici motivi.
Ho trovato parole indebolite da emozioni senza cuore.
Ho trovato racconti tutti uguali, dalla stampata scrittura, allo stampato spirito.
Ho trovato poesie talmente dette, che fan da impegno alla memoria.
Ho cercato ed ho trovato un atomo fallito
A cui non appartengo, ma saprò curarlo!

 

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/04/2012 05:32
    splendida poesia complimenti

5 commenti:

  • Aedo il 28/04/2010 14:28
    Cercare qualcosa di nuovo dentro se stessi o fuori, per poi ritrovarsi con una delusione cocente... Eppure dal fallimento o presunto tale si può riemergere con nuova vitalità. Brava Esther!
  • esther iodice il 30/03/2010 11:36
    aspettavo le vostre letture, i vostri commenti, perche veri fanno da guida e da spinta a chi come me deve ancor rubar sicurezza delle proprie espressioni, voi come sempre leggete l'anima dei miei versi e li scrutate con logica e sagezza, ed io posso solo essere onorata di aver avuto il vostro tempo per me... vi ringrazio di cuore, cari poeti!
  • Adamo Musella il 29/03/2010 22:46
    Le tue parole esaltano la mia ragione, la tua mi dipinge la curiosità dell'uomo che dall'infinito vuol giungere nell'infinitesimo. Ci riesce, nulla è lasciato al caso, possiamo dividere, dividere e scoprire che dopo l'ultima divisione c'è ancora da scoprire con la sua identità. Meravigliosa poesia che fa onore alla scienza e a me troppo illuminista... un bacio grande per la tua bravura Esther.
  • Ugo Mastrogiovanni il 29/03/2010 12:35
    La complessità dei contenuti di questa poesia, mentre esalta l'elemento ritmico del verso, lascia interdetto il lettore perché scritti sa una mano giovanissima. La ricerca di immagini adeguate, l'appropriata linguistica, evidenzia lo studio di una realtà che E. Iodice vorrebbe diversa per poter meglio adattarla alle sue aspirazioni. Encomiabili quindi i suoi pensieri lievi e misurati e l'idea di trasferirli in versi.
  • francesca cuccia il 29/03/2010 09:31
    Si cerca di trovare sempre qualcosa di buono ma, non è facile amica mia.
    Forse non ci riusciremo mai ma, mai mollare la speranza deve essere l'ultima a morire.
    Un caro saluto Francesca.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0