accedi   |   crea nuovo account

La saga dell'aurora

Muta e' la notte
ed il pensier in silenzio
nessun segreto divulga
nessun folletto bisbiglia.
S'impregna di muschio la coltre
nella quieta valle d'Islanda
s'adagian sentieri senz'orma
sul letto d'eroiche saghe.
Placida sale la stirpe
sui monti dai tratti severi
lassu' da soffici cime
ormeggia le navi guerriere...
attende con capo mai chino
l'aurora del proprio destino.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Giuseppe Sparta il 24/03/2012 17:33
    forse della fatal quiete tu sei l'imago a ma si cara vieni o sera, ti dice nulla?
  • Carmelo Trianni il 25/03/2010 22:19
    Ambiente fantastico e incantato, molto bello il finale complimenti
  • Viky D. il 25/03/2010 20:48
    Molto bella.
  • B. S. il 25/03/2010 20:42
    Bellissima Stefano,
    molto musicale ed elegante.
    un bacio
  • loretta margherita citarei il 25/03/2010 20:41
    versi scritti benissimo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0