accedi   |   crea nuovo account

Primavera

Un fremito fragile
trascorre per l'aria,
accarezza pudico
uomini e cose.

Tutto si presta
vibrante all'invito
e in fondo già spera
che il nuovo sia oggi.

Infine un indugio
si dà primavera:
ancora aspettare,
con pacata pazienza,
che l'ultimo inverno
s'involi dai cuori.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 29/03/2010 16:11
    Ancora idealismo e spiritualismo in questa "Primavera" di Maurzio Cortese; mi piace accostarlo un po' al Pascoli. Sembrano impalpabili i suoi versi e già diffondono il profumo di stagione.
  • loretta margherita citarei il 26/03/2010 21:03
    bei versi, ben scritta
  • Anonimo il 26/03/2010 15:48
    Il risveglio è totale col coinvolgimento interiore di noi stessi!
  • Patty Portoghese il 26/03/2010 11:10
    Piaciuta molto anzi moltissimo!
  • ANGELA VERARD0 il 26/03/2010 10:45
    immagini delicate, versi ben scanditi e melodici...
  • laura marchetti il 26/03/2010 08:54
    bellissima carezza pudica che sfiora uomini e cose...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0