PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Snapshot

Al guizzo della carne
raccolsi quel che di me restava
dopo notte balorda..
presi posa plastica
di fotogrammi pallidi
per scrivere su istanti
di film rivisti a noia.
Nelle strade calpestate frugai
e dai lamenti di cassonetti blasonati
ripescai certezze vetrose..

allontanai quel quadro
sfocato dalle flebili attese
per uscire dalla sequenza madre
di una trama a fosche tinte.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • laura cuppone il 30/03/2010 12:54
    oh, oh...
    che bella scoperta... oggi!
    un poetare che mi aggrada oltremodo...
    guarda guarda...
    proprio appresso a mia sorella... ange...

    bravo davvero!
    laura
  • Anonimo il 27/03/2010 20:33
    Molto bella
    mi piace troppo : nelle strade calpestate frugai e dai lamenti di cassonetti blasonati ripescai certezze vetrose...
    davvero bellissima, complimenti
    ciao Stefano
    Angelica
  • Anonimo il 27/03/2010 17:21
    Concordo pienamente con Loretta. C'é la mano del vero poeta
  • loretta margherita citarei il 27/03/2010 16:31
    molto bella e ben scritta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0