PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Delirio

Quanti di voi sono sicuri di saper ancora pensare?
Nessuno! Il mondo è impazzito
o sono io l’ingranaggio saltato?

fuori la città schiuma di rabbia
cani smaniosi digrignano i denti
donne confuse abbandonano i figli

dove sono i frutti che ci hanno promesso?

un uomo è morto mentre rideva
un altro è nato mentre piangeva
tutti e due non ne sanno il motivo

vento
frusciante
pioggia
sbraitante
nuvole a forma di animali
sacrificati alla Dea
il cielo è un altare

sto delirando
ma bevo

il vino novello e l’whiskey da poco

strana combinazione
ma bevo

dove sono le ballerine del Dio?
Le vedo in una scatola brillante
non è più come una volta
Hanno chiuso i boschi
e recintato i prati
La Grecia è lontana

non mi preoccupo più di niente
tranne che di non sporcare
e di non fargli capire

che ho paura.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 06/03/2008 11:20
    Un'oasi di salvezza da ciò che scrivi ti attende, dentro te stesso. Sono i Quattro accordi che spazzano via ogni paura, donano gioia e il sorriso per affrontare il terremoto esterno senza fare una piega. prova! funziona e tanti auguri. nel
  • francesco sobberi il 21/06/2007 16:37
    Non ci sono risposte, com'è giusto che sia. È l'ispirazione poetica a produrre il delirio o è il delirio a produrre l'ispirazione poetica? bravo. ciao
  • Antonello Gualano il 21/06/2007 15:37
    anche io, come rossella, ammetto di non aver colto il senso di alcun passaggi dell'opera. Ma probabilmente ciò fa parte del delirio allo stato puro!!è il bello di questi versi, o sbaglio???
  • laura cuppone il 30/03/2007 19:30
    ... sei proprio schifato di tutto ciò che vedi intorno a te, vero? hai ragione... in pieno... che dire... hai paura di essere ciò che vedi, ti terrorizza solo il pensiero di somigliare a quello che schifi? non aver paura, sei diverso e ne soffri... vorrei bere con te e discuterne... bella e vera... complimenti.
  • rossella bisceglia il 31/01/2007 22:34
    che ritmico susseguirsi d'immagini! mi complimento con te, solo di qualche passaggio non ho colto il senso (es: "la Grecia è lontana" cmqbravo
  • Alessandro Barisone il 30/01/2007 20:51
    Molto bella!!! è una poesia molto vera e sincera. Ciao!!
  • LAURA B. il 19/01/2007 22:36
    poesia cruda... purtroppo nel delirio si intravede, amplificando alcuni lati, la realtà della vita. complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0