accedi   |   crea nuovo account

Sorvegliati speciali

Uomini di grandi decisioni, presunte vittime di minoranza, relegiosi astuti che sugli auri ammirate il fiorente giardino dell'educata ambiguità.
Voi, che alla folla stordita invocate il soave parlare, cogliendo a calar del sole il complice collettivo, spingendolo al macello perchè, orfano di se stesso.
A voi, altri religiosi, pallidi angeli in carne, che del vanto fate a corsa, sedeste nell'immagginario al fianco del Cristo, rincorrendo pensieri nascosti con i chiodi in mano e il martello in testa.
Saggi di potere, politicanti fasulli, regolando arduamente il pensare comune, muovete i vostri passi  tra le tenebre ben lontani da ogni verità. Elogiate con stendarti simbolici autorità ed istituzioni, coinvolgendo, a vostro interesse le greggi ammaestrate, trovando ancora lungo il cammino ragioni e giustizia, sulla fertile terra dell'inutilità. Chi ululando contro voi trovò il pestaggio, si concede un solitario attimo di disperazione, vedendosi, gioioso dinnanzi al feretro vostro, in un giorno da voi innatteso.
Artisti di ragioni e colori, nell'ozio trovaste sorprese, accettando, un declino sfuggente. Sappiate che poesie o canzoni non vi concedo ragioni, eloggiando, anche voi chi di coscenza si crede puro, l'intima fraternità ammazzaste.
In questa vita che sconti non concede, dove, giustizia lama affilata uccide un segreto al cielo, ove, l'uomo capo branco, stupra la fragile concezione del giusto, chi invoca una semplice pietà, altro non può far che dar  l'ultimo respiro alla morte.
Sia lei a leggere  l'elenco dei mali, osservandoli da vicino quanto basta, perchè diventino dei sorvegliati speciali.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • aleks nightmare il 03/09/2009 23:10
    Concordo con quello che hai scritto!
  • ALESSIO SANNA il 20/03/2008 16:41
    più che "tema di paura" la mia vuole essere una speranza fondata sulla speranza stessa, che alla fine della (passeggiata al sole di tutti i potenti) il timore più grande gli sia dato dalla morte, che molto spesso utilizzano per soffocare gli altri ed imporsi loro.
    Grazie ancora
  • Roberta Berardi il 12/08/2007 12:04
    complimenti!
  • ALESSIO SANNA il 04/03/2007 13:10
    MOLTE GRAZIE GIULIANA.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0