PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Insonnia

Sto errando negli albori
d'una parola che alba
voi nominate da fuori,

ma ch'è dentro nera pece
d'un utero parassita.
Onirico sodomita!
dentro m'accechi di luce

e dall'estreno mi sfuggi.
Celata larva vorace
vigliacca veglia feroce
in tal forma mi dileggi!

Giunto di dimezz' al giorno
i miei sogni clandestini
come cibo in intestini
alla mente fan ritorno.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anonimo il 21/07/2010 08:18
    Dantesca poesia. Apprezzata.
  • EKIPS _ il 08/11/2007 02:21
    Ottima poesia! Rime gradevoli. La seconda e l'ultima strofa poi sono formidabili! L'insonnia sarà anche spiacevole, ma ci fa scrivere grandi cose. Bravo!
    Un saluto.
  • alice di nanna il 25/04/2007 14:33
    bella! bella! bella! e bella!!!!!!!
  • Annalisa Benevelli il 25/04/2007 11:40
    Bella rendi molto l'idea!!!!!!
  • Adriano Di Carlo il 24/04/2007 11:16
    bella questa. ciao
  • ESTER zaniboni il 25/01/2007 16:01
    a volte mi chiedo... ma son io che non riesco a capire.. o son loro che cercano di essere... complicati MA!!!!
  • Anonimo il 23/01/2007 09:43
    evvaiiiiiiiiii
    finalmente ho trovato una poesia. Ti sto leggendo.. ma non avevo le idee chiare su di te. Ora si. Sei molto bravissimo!!! (non si può dire? che importa)
  • Anonimo il 23/01/2007 09:43
    evvaiiiiiiiiii
    finalmente ho trovato una poesia. Ti sto leggendo.. ma non avevo le idee chiare su di te. Ora si. Sei molto bravissimo!!! (non si può dire? che importa)
  • Duccio Monfardini il 20/01/2007 04:01
    bella Luigi, bella davvero... ciao, duccio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0