PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sputando parole

Passeggio -ritornando a casa-.
Provengo da politiche parole
di presumibile campagna
elettorale - sudicia -
né lentamente
né velocemente.

Tra pizzerie, macellerie
e seggi elettorali
torno nella mia tranquilla
e adorabile dimora dove
respirano disordinati e
accasciati i profumati
libri che accompagnano
le mie alternative avventure;
mangiando cibi domenicali e
sputando vino beneventano,
rigurgito le parole che ho
ingoiato a causa della
nefasta curiosità che
in tanti momenti pervade
la mia mente, sì, sono convinto
che siano parole da spurgare
- è la prassi- né tristemente
né velocemente.

Intanto mangio e bevo
ubriacando i miei pensieri
che scambiano salute con
mio padre, non un compagno,
augurando i soliti cent'anni di
salute che di fatto non arrivano,
sperando, inoltre, che quest'anno
sia l'ultimo per chi mi ha sfruttato
e deriso con le sue parole
che ho appena rigurgitato.

Ma come disse Monicelli,
la speranza è la trappola dei padroni e
leggendo un libro di Pier Pa,
ricordo subito cosa disse
l'unico maestro della storia
intellettuale, infine il nostro
motto è uno solo: "Il sogno di una cosa".

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • loretta margherita citarei il 29/03/2010 05:59
    condivido, soprattutto la teoria del Monicelli,èun anno zero di un epoca zero, il tempo della realtà che tristemente viviamo nel nostro paese

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0