accedi   |   crea nuovo account

Penne d'oca

banali,
pasciute da lusinghe
non prive d'interesse,
fecondano se stesse
con acide meringhe
morali.

prolifera il vano
conforme, con testi
composti da estri
di seconda mano.

malocchio
su ciò che non puzza di vecchio,
catrame
su chi non esalta il letame

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Marysun... il 30/06/2010 17:25
    condivido pienamente i tuoi versi
  • Tim Adrian Reed il 05/04/2010 22:47
    Ebbeni sì, quanta verità. Faccio parte anch'io di chi talvolta non senza interesse ha elargito fin troppe lusinghe, non senza avvertire un gran peso. Ma in fondo "chi se ne frega".
    Versi carini che arrivano dritti al punto, precisi e ben ponderati, come uno di quei quadri del giovane Hitler, tanto carini ma in fondo niente più...
    Ad ogni modo niente male, un ottimo stile.
  • Anonimo il 31/03/2010 09:45
    Le stesse cose che dice il Mago Otelma...
  • maria grandinetti il 31/03/2010 08:28
    C'è da aggiungere, però, che siete soltanto "degli stitici gelosi"!
  • Collettivo Seppuku il 31/03/2010 00:21
    La letteratura deve essere intese come un allargamento di coscienza, per rilassarsi e divertirsi c'è già la tv. Questa filastrocca non contiene niente di nuovo, è solo un giochino in rima, eppure riceve più consensi di un'opera complessa come l'"Egregio...". Ciò che desideriamo è invitarvi ad allargare i vostri orizzonti letterari e sociali, dando un poco d'ascolto anche ai brani che più vi sembrano strani e sconclusionati. Non omologhiamoci
  • Anonimo il 30/03/2010 20:01
    Estratto dalla mia Wikipedia personale: Penna d'Oca
    Strumento che consente alle oche di starnazzare, nella felicità del sollevarsi in volo scomposto e ridicolo dal fango sottostante.
    Strumento che consente agli scrittori di starnazzare, nella felicità del non sollevarsi che a balzelloni disordinati e irrilevanti, dal fango della loro interpretazione dell'esistenza.

    P. S: non si riferisce a questo né ad altri tuoi scritti...
  • maria grandinetti il 30/03/2010 15:45
    Sebbene sia languidamente indirizzata a noi tutti, avidi maneggiatori di letame, questa è finalmente una sequenza di versi di un certo rilievo!
  • Anonimo il 30/03/2010 12:33
    Una bella critica a tutto fondo!
  • laura cuppone il 30/03/2010 11:35
    Abbasso l'ipocrita moralismo
    evviva
    la pelle nuda
    ... su carta
    ovviamente...

    é d'oca... si.

    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0