accedi   |   crea nuovo account

Elezioni

Abbiamo vinto,
dai contiamoci uno, due, tre, cento...
... mila, ma che dico milioni di trilioni,
presto tutti in piazza per cambiare,
gli altri non sanno più contare,
dicono di essere più di noi e che i brogli li sappiamo fare,
ma da oggi nuova legge elettorale,
chi vince perde,
poi col premio di maggioranza relativa passa primo
e decide per la silenziosa minoranza,
legiferando per la rumorosa maggioranza.
Primo imperativo meno tasse,
gli operai tutti dirigenti e i padroni?
in banca a contar milioni.
Tutti a lavorare, pensione a quarant'anni,
fuori chi vuol fare solo danni!
bugiardi e ladri via dal parlamento,
abbiamo vinto con schiacciante maggioranza,
il popolo sovrano ha deciso chi deve comandare.
I dati sono chiari e illuminati,
rispetto alle politiche del '96 abbiamo avuto un calo,
ma se compariamo le europee del '98,
abbiamo preso il volo,
come se c'entrassero le politiche del 2004?
sì... un piccolissimo smacco,
ma quest'anno avete visto,
l'italiano ci ha premiato
perché sa che duramente abbiamo lavorato.
Bustarelle, mafia e collusione,
non importa,
qui non passa la demagogia fasulla di una opposizione morta.
Conflitto d'interesse, rossi comunisti,
politici corrotti, ma dove mai li avete visti.
Noi siamo del paese gli onorevoli padroni,
non lamentatevi perché il voto ce lo avete dato voi razza di coglioni.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • tania rybak il 30/03/2010 22:39
    come darti torto, tutti hanno quello che meritano, ma non dipende se comanda destra o sinistra, tutti quanti sono un disastro
  • Anonimo il 30/03/2010 20:09
    I nostri governanti se fossero dei lavoratori sarebbero tutti licenziati, assenteisti, nullafacenti. Se poi fossero giudicati per quello che fanno non passerebbero nemmeno il periodo di prova. Però un popolo ha sempre ciò che merita, si vede che questo parlamento rappresenta bene la sua gente.
  • Cinzia Gargiulo il 30/03/2010 19:50
    Bella e intensa riflessione, concordo pienamente ed in particolare con il finale.
    Un abbraccio...
  • Anonimo il 30/03/2010 15:58
    Fra poco tutto scemerà nel silenzio, tutto tornerà peggio di prima... miglioramenti promessi sotto l'uscio, dimenticati!! Le votazioni ci son già state!!
    Bella riflessione Cesare... chi vince perde e viceversa, noi ci rimettiamo sempre!!
  • denny red. il 30/03/2010 15:05
    VIVA I'ITALIA!! DI CALCIO!! CAMPIONI DEL MONDO!!! TREMATE TREMATE!! STIAMO ARRIVANDO!! VAMOS ITALIA!!!
  • Simone Scienza il 30/03/2010 11:46
    Un bel conato di sdegno Big. Caesar
  • B. S. il 30/03/2010 11:20
    Se per incanto sparissero TUTTI dal primo all'ultimo...
    allora forse, avremmo Vinto davvero!
    Ciao Cesare.
  • loretta margherita citarei il 30/03/2010 10:14
    condivido, l'italia è il paese dei ragli d'asino?
  • Anonimo il 30/03/2010 10:09
    Amico mio, mi inchino alla tua eccellente poesia. Alla fine non conta chi vince o chi perde, ma partecipare alla spartizione della torta. In questo sono tutti d'accordo perché vincere o perdere è la stessa cosa, la morale è abbastanza partenopea: "comandare è meglio del fottere"Ti ricordo comunque che i coglioni rotolano e rotoleranno sempre perché non sono quadrati, ma inquadrati!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0