accedi   |   crea nuovo account

Caifa

Comu
nu lazzaronu
fra li più lazzaroni
u Nazareno
dinanzi
a Caifa
purtatu
fia.
Li scribi
e li arti sacerdoti
lu inculpavanu
e cose
che nun
avea mai
dittu ne fattu.
A stu mumentu
Caifa:
- Li senti
cosa ti dicono?
Risposta
nun fia.
- Allora dimmi
rincalzò Caifa
- Sei tu
il Figlio di Dio?
Allora
Egli arrispunnette:
- Lo sono!
A stu puntu
Caifa
li panni
strazzandosi:
- Non c' è bisogno
di altre prove
questa basta
pe' mandarlo a morte.
E purtatu via,
tra insulti
e paccheri,
a lu pretoriatu
fia.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • denny red. il 30/03/2010 23:23
    bravo!! don ottima!! ben scritta efficace poesia.
  • Dolce Sorriso il 30/03/2010 21:24
    centro...
    piaciutissima
    bravo
  • Giuseppe Tiloca il 30/03/2010 20:20
    Come ben saprai, io non sono bravo a tradurre, ma so che sei bravo ugualmente. Non sono sparito, solo una piccola pausa, a sentirci..
  • Anonimo il 30/03/2010 20:02
    Piaciuta, Don Pompeo.
  • Cinzia Gargiulo il 30/03/2010 19:46
    Bella e ben scritta!
    Grazie per l'aiuto che in questo periodo ci stai dando per rivivere la passione di Cristo.
    Questo è il vero senso della Pasqua.
    Un abbraccio...
  • Carmelo Trianni il 30/03/2010 17:41
    Questa settimana, è un po' come nei giorni che precedono il natale: si diventa più buoni e riflessivi.
    Leggendo questa poesia, soprattutto perchè scritta in dialetto, mi sembra di assistere ad una di quelle rappresentazioni della Passione e Morte di Cristo, dove tanti attori e figuranti ci fanno rivivere quei momenti così intensi, che un po' ci uniscono e ci aiutano a riflettere.
    Grazie a Don Pompeo e a tutti quelli che contribuiscono a mantenere vive fede e tradizione.
    Saluti
  • cesare righi il 30/03/2010 13:56
    eh bravo genero, è veramente notevole questa serie scritta nel tuo originalissimo dialetto.
    Attendo la prossima. Accetta il plauso di tuo suocero caro Magno Pompeus Magister Poeta
  • loretta margherita citarei il 30/03/2010 10:12
    come sempre penetra il tuo stile, bravo
  • Anonimo il 30/03/2010 10:11
    Eh caro amico, il Vangelo insegna tante cose, sapessi quanti Caifa ci sono ancora nel mondo!
  • Patty Portoghese il 30/03/2010 09:41
    Sei davvero bravo, Opere prime le tue... Auguri per una Santa Pasqua.
  • francesca cuccia il 30/03/2010 09:32
    Le tue parole sagge e ben scritte si fan sentire, bravo Don.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0