accedi   |   crea nuovo account

Velenosa

Sapiente serpe
che strisci nascosta,
sorriso maligno
ti insinui infida
nei discorsi;
aspetti al varco
e poi attacchi.

Rigetti, rinfacci
vomiti addosso
il veleno che hai dentro,
l'aspro sapore
della tua essenza,
conscia del fatto
che non sia sana.

Quando l'attacco finisce,
liberata dal tuo male
ti senti serena, soddisfatta, pulita;
dietro di te
il cadavere di chi tranquillo
ti si era avvicinato e una mano allungato
e tu, sapientemente hai avvelenato.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

25 commenti:

  • sabrina galbo il 28/06/2011 21:53
    il dolore scatena demoni più o meno feroci che lasciano il segno in noi stessi e negli altri
  • ELISA DURANTE il 15/10/2010 09:34
    Sfondi una porta aperta con questa poesia in cui il reale è indissolubilmente legato al metaforico
  • Anonimo il 30/04/2010 09:39
    Tutti abbiamo conosciuto personaggi del genere. Auguri
  • vincent corbo il 28/04/2010 20:19
    L'analogia con un rettile velenoso è calzante ma credo che la cattiveria umana superi di gran lunga il veleno degli animali. Un saluto da Vincenzo.
  • Anonimo il 28/04/2010 13:09
    Che vuoi fare, la vita è piena di persone che amano far del male...
    Lascia correre...
    Brava bella poesia.
  • Salvatore Cipriano il 10/04/2010 07:55
    Ecco che succede a fidarsi delle persone sbagliate, espresso in maniera poetica. Esauriente! Brava.
  • Anonimo il 03/04/2010 17:37
    Una serpe in seno... classico! Speriamo che la prossima volta la serpe sia soltanto viscida...
  • Anonimo il 03/04/2010 17:29
    Per fortuna per certi veleni c'è l'antidoto! Versi ben scritti. Brava Paola.
  • tania rybak il 02/04/2010 00:44
    ha ragione Loretta, non te la prendere...è molto meglio
  • francesca cuccia il 31/03/2010 21:03
    Una descrizione perfetta di tutto il veleno che c'è in giro bravissima.
  • Barbara Scarinci il 30/03/2010 23:43
    Purtroppo di serpi della stessa specie il mondo ne è pieno!! Con la tua poesia hai descritto perfettamente quanto può essere letale il loro veleno!! Molto bella e velenosa
  • Viky D. il 30/03/2010 23:11
    Bella poesia, Paola, vorrei dedicarla ad una serpe che più serpe non si può

    Quella che ho incontrato io era pure mascherata pensa te...
    (non è la suocera)

    Grande Paoletta!
  • Anonimo il 30/03/2010 21:28
    Non potevi esprimere meglio tutta la nausea e il risentimento per simili persone che infestano la nostra esistenza!
  • Dolce Sorriso il 30/03/2010 21:21
    una poesia piena di veleno...
    capisco il tuo sentire,
    la rabbia per l'ingiustizia è infinita...
    piaciuta
    brava
  • Cinzia Gargiulo il 30/03/2010 19:40
    Sai ai Castelli Romani ci sono delle pizzette con il pomodoro che sono di forma molto lunga e sottile e sono chiamate "Lingua di suocera"...
  • Anonimo il 30/03/2010 19:19
    Fortissima per come ti sei espressa.. hai reso bene l'idea.. Brava!!
  • Cinzia Gargiulo il 30/03/2010 18:12
    Ahimè! Ci sono fin troppe serpi in giro e per me lo sono tutte le persone invidiose, ma alla fine il veleno nuoce molto di più a loro.
    Poesia ben scritta!
    Ciao...
  • loretta margherita citarei il 30/03/2010 16:51
    ti ha fatto proprio arrabbiare, conosco il tipo, la miglior vendetta? ridergli in faccia, quando vede che non ti turba il suo modo di fare, non lo farà più.
  • laura marchetti il 30/03/2010 16:05
    Evidentemente ce l'hai con qualcuno... IO... TI SONO AMICA!!! ciao baci
  • Paola B. R. il 30/03/2010 15:30
    Grazie, tutti gentilissimi... vi direi anche chi è la serpe, però, visto che ognuno ha una sua opignone, forse, è meglio rimanga un mistero... comunque questo è proprio il suo "modus operandi"!!!!!
  • Simone Scienza il 30/03/2010 15:20
    Vuoi i nomi e gli indirizzi delle mie serpi?
    Tanto non te li do... TVB Paoletta
  • Regina Ghiglietti il 30/03/2010 15:07
    mmmmh, mi piace l'analogia della serpe che apre un'infinità di interpretazioni...
    Quella che le do io è questa: un'amica che ti ha tradito oppure un'amore che velenoso si è insinuato, ha fatto credere, progettare e poi ha avvelenato tutto lasciando solo il cadavere di ciò che poteva essere...
    Molto bella Paola 5 stelline e tranquilla che il veleno può sempre essere curato..
    Un caro saluto Regina^^
  • Anonimo il 30/03/2010 14:38
    Paola, hai reso bene l'idea, in maniera lucida. Ma questa serpe non sarà mica una collega? Ne ho incontrate anch'io di serpi e mi sono dato da fare per neutralizzarne il veleno. Tolto quello diventano innocque.
  • denny red. il 30/03/2010 14:36
    paola.. una serpe striscia.. un morso velenoso.. stai tranquilla.. tutto finirà soffocata dal suo veleno. E che dio la perdoni. poesia ben scritta!! brava!!
  • karen tognini il 30/03/2010 14:33
    Spero di non incontrarla... mai!!!.. ma qualche serpe nel corso della vita... l'abbiamo incontrata tutti... o la incontreremo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0