accedi   |   crea nuovo account

La corona di spine

I malevoli soldati
una corona di spine
intrecciar
e sul capo
del Cristo
collocar,
e tra schiaffi
et insulti
in profondità
calcar.
rosso
come
la di lui tunica
al fin
dalle tempie sue
sangue vivo
sgorgar.
Et ancor sgorga,
perché
i malevoli,
soldati o no,
in mezzo a noi
pascer ancor.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • silvana capelli il 31/03/2012 13:49
    Tuto è vero DON POMPEO, anche questa tua, è bellissima e tacconte verità. Sempre condivisa e appezzata. BRAVO!!
  • Anonimo il 02/04/2010 15:22
    Bravo Don Pompeo.
    Proprio questo intendevo nel giudizio espresso in un'altra sua opera.
    I mali del mondo purtroppo sono ancora qui.
    Bella Poesia. Ottima
  • loretta margherita citarei il 01/04/2010 21:39
    è vero
  • Adamo Musella il 01/04/2010 19:43
    E i malevoli sono al soldo del male... davvero ben scritta Don, bravo. ciao
  • francesca cuccia il 01/04/2010 16:52
    Verissimo, quel dolore sentito ancora oggi rimane, grande Don, un caro saluto.
  • karen tognini il 01/04/2010 13:48
    Molto... molto bella...
    complimenti!
  • alice costa il 01/04/2010 12:16
    .. una corona di spine che oggi e domani ricorderemo... e soldati ancor in mezzo a noi...
    bravo...
  • vincent corbo il 01/04/2010 11:44
    e naturalmente dei giorni tristi che la precedono.
  • vincent corbo il 01/04/2010 11:43
    Grazie di farci rivivere giorno per giorno il significato profondo della Pasqua.
  • Cinzia Gargiulo il 01/04/2010 11:18
    Hai perfettamente ragione.
    Bella e intensa poesia!
    Ciao...
  • laura marchetti il 01/04/2010 10:58
    quei soldati sono fra le gente, tutti i giorni... molto bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0