PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Seppuku - Hara-kiri

Di chi se non mio è il mio destino,
nella morte si rivive in una eternità di onori,
lasciare soli i ricordi
nel caldo buio di una grotta
o invisibili tra le nuvole del Fujiama

sogno!

Elevo i miei pensieri alla sola morte,
finchè purificato sarà l'estremo andare,

sarò pronto,

il mio cuscino bianco, profumato il corpo,
nella destra il vakizashi,
la sinistra sorregge il ventre
e la mia mano scende,
veloce, da sinistra verso destra,
poi risale liberando le emozioni.

Il mio nome? Samurai.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 02/04/2010 16:38
    Sogno... sarò pronto...

    Bellissima Cesare... un vero guerriero... amante... della luce...
  • Don Pompeo Mongiello il 02/04/2010 10:54
    Un plauso da lo magno per questa tua venusta carmen. I pesci ormai sono scivolati via ma ricambio con affetto gli auguri pasquali.
  • Anonimo il 01/04/2010 23:39

    Auguri Cesare... Buona Pasqua a voi... vi abbraccio!!
  • karen tognini il 01/04/2010 21:28
    Bella... bella... davvero!...
  • loretta margherita citarei il 01/04/2010 21:24
    ottima, auguri x la santa pasqua, un bacione lor
  • Simone Scienza il 01/04/2010 20:30
    Qui si respira Bushido, codice di condotta guerriero-spirituale, sorretto dall'onore.

    Espresso egregiamente Cesare, qui me ne guardo bene dal fare l'idiota, un profuso inchino tutto per te
  • Anonimo il 01/04/2010 20:10
    Un onorevole modo di togliersi la vita, ma occorrono anche uomini con certi cosi così!
    Una poesia stupenda, complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0